Come identificare un minimo di mercato?

E’veramente possibile identificare un minimo o massimo o è solo “fortuna” ?

Quando si parla di Trading e di identificazione dei massimi e dei minimi, relativi o assoluti, la cosa importante è avere uno strumento di analisi in grado di identificare bene le “intenzioni di inversione“.

I punti di swing o punti di inversione sono il risultato di una precisa volontà operativa delle mani forti. Fin qui spero non ci sia discussione.

Le mani forti muovono il mercato

Finalmente una cosa nuova (o no??) ovviamente sono ironico, ma mi piace ribadire bene i concetti!

Le mani forti sono i principali attori del mercato, operano costruendo e smontando le posizioni in portafoglio in modo spesso subdolo e poco visibile. La ragione per cui le mani forti operano in questo modo penso che sia chiara a tutti.

I volumi trattati dalle mani forti sono considerevoli, sia in quantità, che in frequenza, ma soprattutto in quantità.

Quantità e frequenza operativa sono le tracce che le mani forti lasciano di conseguenza sul mercato.

Quando gli operatori Istituzionali (o mani forti) operano sui minimi o sui massimi, lo fanno con meccanismi operativi ben definiti (da algoritmi).

Certamente il volume trattato sui minimi o massimi è specifico, caratteristico e , se ben identificato, permette di osservare con precisione le inversioni di trend.

Le inversioni di trend e la loro identificazione

Identificare un minimo o un punto importante di inversione del mercato è un mix tra scienza e tecnica. TickerExplorer integra un algoritmo specifico per l’identificazione dei punti operativi maggiormente trattati dalle mani forti.

Le mani forti operano in modo da:

  • dare forza al mercato (necessaria a creare l’inversione)
  • imprimere direzione al mercato (necessaria a confermare l’inversione)
  • creare intensità agli scambi.

Forza, direzione ed intensità sono le principali componenti dei “Punti di Concentrazione”

I Punti di Concentrazione sono determinati da un algoritmo

Non poteva essere diversamente. Solo un algoritmo è in grado di determinare il corretto prezzo e momento in cui si perfeziona un “Punto di Concentrazione”.

I punti di concentrazione hanno la caratteristica di mettere in evidenza i livelli di prezzo in cui le mani forti hanno lavorato in modo intenso (vedi i tre modi operativi qui sopra).

La confluenza di un Punto di Concentrazione sui massimi o sui minimi giornalieri è un chiaro segnale di inversione di trend.

In questi setup la precisione temporale rende possibile determinare un punto di swing, cosa che con i metodi classici NON è possibile.

Il grafico del DAX vale più di mille parole

Spesso è difficile spiegare come identificare un minimo di mercato, oppure un massimo.

Ho preso come esempio, fresco fresco, il grafico giornaliero del DAX future, creato con la piattaforma di Volume Analysis TickerExplorer.

Questo primo grafico si riferisce all’analisi fatta venerdì 7 settembre 2018 (puoi vedere il posto sulla pagina di Quantirica su Facebook).

Punti di concentrazione e identificazione dei punti di minimo e massimo

Identificare un minimo di mercato con i punti di concentrazione di TickerExplorer

Il secondo grafico è stato realizzato lunedì 10 settembre 2018.

Il grafico di Volume Analysis del DAX mette in luce:

  • il delta volume giornaliero,
  • la distribuzione dei volumi giornaliera,
  • Value Area giornaliera ed il relativo Volume Poc ,
  • distribuzione statica dei volumi, tipizzata per compratori e venditori.

Punti di inverisone con i volumi delle mani forti

Identificazione dei punti di swing con i volumi delle mani forti

Nel trading contano i risultati

L’analisi dei volumi ed il trading basato sulla Volume Analysis in genere è una tecnica di trading che permette di fare emergere dettagli che, senza gli strumenti giusti come TickerExplorer, non si riuscirebbero ad apprezzare.

I risultati sono chiari ed evidenti e soprattutto è evidente che le occasioni di realizzare operazioni di trading efficienti non mancano di certo.

Come risultato chi usa TickerExplorer per identificare i volumi e le mani forti, riesce a sfruttare questi setup in modo assolutamente profittevole.

Ciao, mi chiamo Marcello Bugnoli e mi occupo di Trading e di tecnologie di Trading dal 2001. La mia passione per il trading mi ha portato a sviluppare la piattaforma TickerExplorer, unica nel suo contesto, per l’analisi dei volumi e del flusso degli ordini su azioni e futures. Tra gli strumenti che sviluppo e conosco a fondo c’è NinjaTrader, piattaforma che utilizzo per la gestione di ordini e posizioni su strumenti futures.

X